Andrea Marcato e il Petrarca Rugby per parlare di valutazione

Si è svolta alla fine del mese di gennaio un interessante riunione che ha messo a confronto lo staff tecnico del Petrarca Rugby e alcuni manager del Gruppo Carraro.

Presso la storica sede del Centro Memo Geremia della Guizza a Padova, Andrea Marcato, coadiuvato dal preparatore atletico Alessandro Chillon, si è confrontato con i manager dell’azienda padovana sul tema della valutazione dei giocatori e, per analogia, dei collaboratori di un’azienda.

Moderatore dell’incontro è stato Andrea Di Lenna, da sempre esperto e appassionato della metafora sportiva e della sua trasposizione in ambito aziendale, con particolare riferimento al mondo del rugby.

Si sono così affrontate diverse tematiche, prendendo spunto dalla necessità di giocare la partita di ogni domenica con la squadra migliore. Importante in tal senso l’analisi del ruolo dell’Head Coach, dello staff e della Società, nonché dell’importanza del processo di valutazione nel corso della settimana e dell’intera stagione.

Nel dibattito si è inserito Alessandro Chillon, che ha descritto quelli che sono i parametri della valutazione di ogni singolo giocatore attraverso la definizione della condizione fisica, della preparazione atletica, della performance e del comportamento, analizzati attraverso le statistiche e i video.

A questi elementi Andrea Marcato, ex giocatore del Petrarca e della Nazionale di rugby, ha aggiunto l’importanza di altri fondamentali strumenti per la valutazione, tra i quali ha evidenziato i colloqui individuali e di gruppo, nonché i feedback in campo, in sala riunioni, non dimenticando ovviamente quelli in partita.

Particolarmente interessante il dibattito sulle regole e sulle sanzioni, tanto in squadra quanto in azienda, con delle valutazioni interessanti a proposito delle reazioni sia dei giocatori che dei collaboratori.

Tutti soddisfatti al termine dell’incontro, con i manager che hanno dichiarato di essere interessati ad approfondire le tematiche della valutazione dell’ambito dello sport, ma anche lo staff tecnico del Petrarca, che si è dimostrato particolarmente attento a comprendere le dinamiche organizzative e della gestione delle persone all’interno di un’azienda.

Valido quindi il confronto con il mondo dello sport, a conferma di ciò che Nelson Mandela ebbe a dire qualche anno fa, ovvero che “lo sport ha il potere di cambiare il mondo”.

Print Friendly, PDF & Email